Magenta: Sicurezza, facciamo alcune precisazioni

I comunicati che abbiamo pubblicato in materia di sicurezza ci impongono alcune precisazioni.

È una materia importante perché il cittadino dallo Stato si aspetta protezione e se subisce un furto è naturale che si arrabbi. Non è giusto e compito della politica è quello di mettere in campo tutte le risorse affinché ciò non accada. Parliamo della stazione dei Carabinieri di Magenta. Ha competenza territoriale (giurisdizione) su 5 comuni: Magenta, Marcallo con Casone, Mesero, Bernate Ticino, Boffalora sopra Ticino. Mentre per quel che concerne il Pronto Intervento gestito a livello di giurisdizione dalla Compagnia Carabinieri di Abbiategrasso purtroppo è triste dover precisare che la “Gazzella copre territorialmente ben 40 comuni (solitamente con una pattuglia).

Per questo motivo una mole considerevole di interventi vengono dal 112 demandati alle Polizie Locali territorialmente competenti.

Dati questi numeri La Nuova Italia ribadisce nuovamente la necessità di investire sugli uomini/donne della Polizia Locale rivedendone gli stipendi e pagando i servizi straordinari (come in altri comuni) adeguando il parco autovetture per il pronto intervento anziché’ spendere su telecamere e altre cose di secondaria importanza.

La vera forza delle Polizie locali del resto è la conoscenza del territorio. Gli agenti di Polizia locale sono quelli che conoscono palmo a palmo le vie di un comune e rappresentano una risorsa fondamentale.

La sua efficienza non è legata alla politica! Ieri l’assessore alla Sicurezza era Paolo Razzano, oggi è Simone Gelli domani potrebbe essere Munib Ashfaq. La sostanza non cambia! La Polizia locale è al servizio dei cittadini e non del politico di turno, in quanto lo stesso politico è al servizio dei cittadini con un ruolo diverso (quello politico, appunto). In un post su facebook a commento di un nostro comunicato sui continui furti a Magenta, un cittadino spiegava di avere subito un furto nel suo negozio a Magenta mentre si teneva una manifestazione nella sala riunioni della biblioteca.

Spiega di aver dovuto aspettare che la manifestazione terminasse affinché i Carabinieri potessero intervenire. Mentre per una questione meno grave a Pontevecchio aveva chiesto l’intervento della Polizia locale e gli agenti erano sul posto nel giro di pochi minuti.

Se dovesse capitare ancora, e speriamo di no, consigliamo a quel cittadino di chiamare la Polizia locale anche per un sopralluogo di furto e per sporgere la relativa denuncia che sarà trasmessa all’Autorità Giudiziaria di Milano. Esattamente come fa la stazione dei Carabinieri.

Aldo x

Read Previous

Martedi 13 inizia il Ramadan 2021, e termina il 12 Maggio.

Read Next

Non tutti i Sindaci sono uguali c’è chi crede nella diversità di cultura

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »