La Nuova Italia al parcheggio multipiano, tra telecamere distrutte e assenza completa di estintori

Ci troviamo al parcheggio multipiano di via De Gasperi a Magenta. Siamo sicuri che la gestione del silos non vada rivista?

Ad oggi lo troviamo sempre semi vuoto e preso di mira da gruppi di ragazzini che non esitano a commettere atti di vandalismo che hanno un costo notevole

Ad oggi lo troviamo sempre semi vuoto e preso di mira da gruppi di ragazzini che non esitano a commettere atti di vandalismo che hanno un costo notevole. Ci rivolgiamo ad ASM che dal primo luglio del 2016 ha preso in carico la gestione dei parcheggi a pagamento e, da quanto leggiamo nella relazione al bilancio 2020, ha avviato importanti investimenti tra i quali proprio la riqualificazione e la messa a norma del parcheggio denominato “multipiano”.

La sosta all’interno del silos è diventata a pagamento dal mese di ottobre del 2016 e, da quel periodo, abbiamo assistito ad una rapida diminuzione degli ingressi. Gli atti di vandalismo, invece, ci sono sempre stati. Hanno perfino incendiato delle fioriere all’ultimo piano agendo indisturbati, in piano giorno, come se nulla fosse. Non sarebbe il caso di incrementare e predisporre dei servizi di sicurezza? Vorremmo sapere dal presidente del CdA di ASM a quanto ammontano gli incassi del silos e vorremmo sapere anche se tutte le telecamere interne sono, ad oggi, in funzione e quanti soldi sono stati spesi per sistemarle dopo i ripetuti atti di vandalismo commessi. Nella relazione di bilancio si parla di una riduzione degli utili riferita a tutti i parcheggi a pagamento che, confrontando il 2020 all’anno precedente, hanno subito un drastico calo a causa della pandemia. Ma, al di là del covid, ad oggi il silos di via De Gasperi rappresenta un utile o una perdita secca per ASM?

Redazione Magenta

Read Previous

Munib Ashfaq, segretario de La Nuova Italia, si racconta: “Incontreremo i magentini, il dialogo sarà la nostra arma vincente”

Read Next

Dopo il reportage all’autosilo Magentino, le domande del Leader di LNI a ASM

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »