Lungaggini inaccettabili per due famiglie, La Nuova Italia protocolla una lettera in Comune a Magenta

Ancora nessuna risposta dal Comune di Magenta per i due casi seguiti dal movimento La Nuova Italia riguardanti una famiglia di origini egiziane e un’altra di origini filippine. Entrambe erano state intervistate dal candidato Sindaco Munib Ashfaq evidenziando le lungaggini burocratiche. “Un allungamento dei tempi inammissibile e inaccettabile che ci ha costretti a protocollare una richiesta in Comune a Magenta con la speranza che si trovi finalmente una soluzione”, ha commentato Munib Ashfaq. I casi, appunto, sono due. Quello di Mahmoud Seham Samir Abdelaziz che, il 28 agosto 2020, ha presentato richiesta di iscrizione anagrafica presso il Comune di Magenta, per lui e per tutta la sua famiglia, compresi i 5 figli. Ad oggi il signor Mahmoud Seham Samir Abdelaziz non ha ottenuto alcuna risposta.

E quello di una famiglia filippina che, nel mese di febbraio dello scorso anno, ha presentato richiesta di idoneità alloggiativa presso l’Ufficio Tecnico del Comune di Magenta. Dopo le integrazioni richieste nel mese di agosto non è stata fornita loro alcuna risposta. “Il nostro primo impegno, nel caso di vittoria alle prossime elezioni amministrative, sarà quello di riformare gli uffici comunali – ha detto Ashfaq – Non possiamo più accettare che ci siano persone alle quali viene resa la vita impossibile per via di tempi di attesa così lunghi”.

Redazione Magenta

Read Previous

Furti e rapine a Magenta, La Nuova Italia: “Basta spot elettorali sulla sicurezza, serve una Polizia locale che controlli il territorio”

Read Next

Magenta, quartiere sud: nessuno ha ritirato l’umido. La Nuova Italia raccoglie le lamentele dei cittadini (VIDEO)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »