Magenta: Vandalismo al parcheggio multipiano: le proposte de La Nuova Italia

Il terzo piano del parcheggio multipiano di via De Gasperi a Magenta è completamente vandalizzato. Come abbiamo documentato in un video noi de La Nuova Italia le lampade sono tutte rotte, gli atti di vandalismo sul muro sono stati segnalati a mezzo stampa decine e decine di volte nel corso degli ultimi anni, l’impianto anti incendio è stato distrutto e i fili elettrici sono scoperti. Tutto questo crea una situazione di grave pericolo in caso di pioggia. Perfino i vasi dei fiori sono spariti e alcuni punti sono stati trasformati in orinatoio. Insomma, non è proprio un bel vedere per la città. Cosa fare per migliorare le cose? Noi de La Nuova Italia azzardiamo alcune proposte. Anzitutto non sarebbe male riprendere in mano il piano per la sosta concordato dall’Amministrazione Comunale con ASM dal 5 dicembre al 7 gennaio 2021 che, con l’obiettivo di agevolare l’ingresso nel centro storico di Magenta nel periodo natalizio, stabilì la sosta libera e gratuita per le giornate di sabato in tutti gli stalli a strisce blu compreso il parcheggio multipiano di via De Gasperi. Anzi, non sarebbe male, almeno in questo periodo di grandi difficoltà, renderlo gratuito tutti i giorni. Il parcheggio desolatamente vuoto lo rende facilmente preda dei vandali di turno. Di certo non basta, ma sarebbe almeno un inizio. Quanto alla sicurezza se ci sono persone che percepiscono reddito di cittadinanza si potrebbe pensare di affidare a loro il controllo del silos dopo un adeguato corso di formazione. Non sappiamo se è una cosa fattibile, ma almeno potrebbe essere un’idea dalla quale partire.

Il Nostro reportage video:

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=165991512029184&id=100058550094982

Redazione Magenta

Read Previous

Magenta: Contagi in aumento, dice la Sindaca: il nostro allarme lanciato sugli assembramenti in piazza aveva un senso

Read Next

Furti a raffica a Pontevecchio, Munib Ashfaq: “Assessore Gelli, quali azioni sta mettendo in campo per contrastare questa escalation di reati oltre alle telecamere?”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »